Agesci Lazio al Convegno nazionale “100 anni di Scautismo Cattolico”

Quasi trecento capi da tutta Italia hanno raggiunto Assisi per partecipare al Convegno del centenario dello scautismo cattolico. La nostra regione rappresentata da 15 capi tra Responsabili di Zona e Responsabili Regionali. Sulla scia del messaggio lasciato da Papa Francesco nell’udienza del 13 giugno 2015, sono stati chiamati a costruire ponti.

Ad aprire il week end, venerdì 20 è stato S.E. Card. Angelo Bagnasco, presidente della CEI, che nel Duomo di San Rufino ha proposto una lectio sul testo dei primi versetti del Vangelo di Giovanni. “Accogliere la luce del mondo”: qual è il punto per noi capi cristiani in una società che distrae portandoci “a pensare solo al come e non al perché della nostra vita”? Chiedersi il perché, chiederci in continuazione dove siamo è la domanda fondamentale che è scritta dentro di noi, nessuna distrazione può veramente cancellarla. Ed è la domanda che ci permette di non trasformare la nostra vita in “un congegno di nascondimenti”, alibi e scuse pronte per non cercare i motivi profondi del nostro vivere.

La sera, presso la Cittadella l’apertura ufficiale con il saluto di Capo Guida e Capo Scout, Ferri Cormio e Donatella Mela e a seguire dei Presidenti del Comitato nazionale Marilina La Forgia e Matteo Spanò.

Poi la tavola rotonda “Essere cattolici nella società ed educatori nella Chiesa nazionale e locale”, presenti Mons. Napolioni, la dott.ssa Noceti e il prof. Petrosino, un momento di condivisione e riflessione sui vari punti di vista del tempo di grande cambiamento che viviamo.

I lavori del sabato mattina sono ricominciati, dopo la preghiera, con la relazione di Gualtiero Zanolini sull'l’identità pedagogica dello scautismo”, a partire dalla nascita dello scautismo, parlando del bisogno di educazione per i ragazzi e della pedagogia, l’importanza della Comunità Capi, basandosi su uno schema di “verbi” che garantiscono l’azione dello scautismo, tra questi ad esempio: esplorare, scoprire, giocare, crescere, progettare, amare, volere, potere, creare, crescere con gli altri, gioire, incontrarsi, misurarsi, camminare, avere paura, guidare, osservare la legge….

A seguire l’atteso intervento di padre Federico Lombardi, ex capo della sala stampa vaticana, sulla “identità dello scautismo cattolico”, durante il quale ha proposto una riflessione su cosa possa e debba essere lo scautismo nella Chiesa e cosa debba e possa essere la Chiesa come pellegrina nello scautismo.

Nel pomeriggio la divisione in 9 gruppi di lavoro su questi punti: identità laicale del capo, il capo credente, la formazione permanente del capo, la comunità capi.

Potete seguire il Convegno con l’hashtag #convegnocentenario

Questo sito utilizza cookie per fornire una migliore esperienza di navigazione. Proseguendo ne autorizzi l'uso.